Web Comics

#5
SACRANUN

“Sacranun” è il racconto illustrato, con nomi di fantasia, d’un viaggio sognato per otto lunghi anni.

illustrazioni di Raffaele Negri

17/11/2021
9 min

Storie

Audio storie

Web comics

Autori

Premi

Giuria

Marco_Rossignoli_014

Sacranun

di Raffaele Negri

“Sacranun” è il racconto illustrato, con nomi di fantasia, d’un viaggio sognato per otto lunghi anni.

La sua preparazione è stata un lungo corteggiamento che mi ha fatto innamorare della mia terra e della vita. Un’avventura molte volte accantonata ma sempre anelata; odiata ed amata ma, infine, ostinatamente realizzata. Per me resterà sempre il castello in aria di paure soffiato via da un alito di coraggio, la fastidiosa lucina in fondo al tunnel che s’è rivelata splendore commovente ed abbacinante.
Questo è la mia storia e per tutto il tempo della vostra lettura va il mio grazie.
Buon viaggio!

_____
Sacranun: L’origine di questa parola risale ai tempi della dominazione lombarda da parte dei francesi i quali, grandi bestemmiatori, usavano spesso l’imprecazione “Sacré nom de Dieu”. I lecchesi adottarono l’invettiva blasfema storpiandola in “Sacranun”. Forse non comprendendone inizialmente appieno il significato originale, anche il senso venne sviato ed infine usato per identificare una persona dal carattere spavaldo, indomito e spesso testardo, intrattabile.

Questa storia partecipa al BC2021.
Cosa ne pensi di questa storia? Scrivi qui sotto il tuo commento.

Raffaele Negri

Raffaele Negri

Sono Negri Raffaele, ho 29 anni e, se devo ridurre me stesso ai minimi termini per definirmi in poche parole, direi che disegno; da quando neanche mi ricordo. Sono nato e vivo a Lecco; sempre alla perenne ricerca del materiale grezzo della vita per poterlo osservare, vivere e ritrarre.


Il mio blog | L’amore per la mia terra e per l’Avventura mi ha spinto a creare la proposta internet http://www.mnrvision.it In essa lascio intravedere lembi di natura selvaggia e brandelli di montagna ripudiata suggerendo itinerari escursionistici volti a far germogliare o a rinnovare nei visitatori lo stesso spirito di ricerca che mi muove.
Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

È il weekend del primo maggio, avrebbe dovuto essere un weekend di sole tra... È il weekend del primo maggio, avrebbe dovuto essere un weekend di sole tra passeggiate e pic nic, ma il meteo ci ha giocato...

Un rumore sordo e intenso ci risvegliò dal nostro torpore all’interno di quella che... Un rumore sordo e intenso ci risvegliò dal nostro torpore all’interno di quella che era una miniera di ferro abbandonata ...

Descrivere una persona è come fare un viaggio, puoi uscirci insieme in ciabatte, prendere... Descrivere una persona è come fare un viaggio, puoi uscirci insieme in ciabatte, prendere il caffè al bar sotto casa, e ti bastano due...

Sul tavolo c’è un articolo di inizio millennio scritto da Umberto Eco, un paio... Sul tavolo c’è un articolo di inizio millennio scritto da Umberto Eco, un paio di vinili anni ’70, una grande scatola di ricordi sonori,...

Uno dei colori più rappresentativi di quella terra è il bianco; simboleggia il latte,... Uno dei colori più rappresentativi di quella terra è il bianco; simboleggia il latte, quindi il nutrimento, tanto per le persone che per gli...

C'è questa piccola strada che devia dalla provinciale, alle spalle la zona rossa di... C'è questa piccola strada che devia dalla provinciale, alle spalle la zona rossa di Arquata del Tronto. Quasi a un trivio di confine tra...

La sveglia suona che fuori è ancora buio. Fa piuttosto freddo anche se siamo... La sveglia suona che fuori è ancora buio. Fa piuttosto freddo anche se siamo solo a metà settembre. Getto uno sguardo nell'angolo della stanza dove...

Sarebbe riduttivo definire questa serata semplicemente come la "premiazione del Blogger Contest.2018", in realtà... Sarebbe riduttivo definire questa serata semplicemente come la "premiazione del Blogger Contest.2018", in realtà è stata molto di più. ...

Il profumo di resina e di terra zuppa, giunge pungente alle narici. L’odore acre... Il profumo di resina e di terra zuppa, giunge pungente alle narici. L’odore acre della fatica e dell’adrenalina, restituito dal corpo e dai vestiti,...

Franco Miotto ha lasciato questo mondo, ma mi piace pensare che qualcosa di lui... Franco Miotto ha lasciato questo mondo, ma mi piace pensare che qualcosa di lui viva per sempre tra le sue montagne, così come non...