Intervista

Gli amori di Ferox

La montagna, la scultura e la poesia sono le cose che più ha amato e continua ad amare Ferruccio Svaluto Moreolo, per gli amici Ferox, presidente del Gruppo Ragni di Pieve di Cadore, all'esordio come romanziere.

testo di Giannandrea Mencini

foto di Gianfranco Valagussa
30/05/2020
5 min
Negli ultimi tempi numerosi blogger, documentaristi, giornalisti e case editrici, dedicano sempre più attenzione alla montagna.

Parlano di vite di alta quota, in particolare di esperienze che vedono il riavvio di pratiche agropastorali e artigianali che sembravano destinate a scomparire solo pochi decenni fa. Recenti pubblicazioni letterarie hanno, inoltre, raccontato emozionanti storie di alpinismo, narrato leggende delle Dolomiti che rischiavano di andare perdute per sempre oppure descritto, anche in modo poetico, i desideri e i sentimenti genuini delle genti che vivono la montagna.
Il primo romanzo di Ferruccio Svaluto Moreolo Il Tesoro della Grotta del Tempo (Susil Edizioni, 2020) appartiene sicuramente a questo ultimo filone letterario. Ma per capire il vero senso del libro, bisogna conoscere, anzi indagare, la vita avventurosa dell’autore, dove la roccia si intreccia alla scultura e alla letteratura.

Ho incontrato Ferruccio Svaluto Moreolo poco prima della quarantena nello storico locale Bar Serenissima di Domegge. Davanti a un buon bicchiere di vino e alle gustose cartufole del Cadore, abbiamo dialogato sulla sua vita per arrivare poi alla sua arte.
Ferruccio è un formidabile alpinista estremo. Nato a Grea, una frazione di Domegge di Cadore, dove ancora risiede, è iscritto al CAI locale e Presidente dei mitici Ragni di Pieve di Cadore. Grazie proprio ad un corso di roccia organizzato dai Ragni quando aveva 18 anni, Ferruccio ha appreso i rudimenti della sicurezza e della tecnica e, cosa più importante, ha conosciuto i futuri compagni di cordata, con i quali poi avrebbe condiviso delle belle pagine di montagna. Arrampicatore estremo, mi spiega: «Perché ogni parete che vedevo, ne immaginavo la sua salita, ma creando itinerari nuovi: così ne sono nati alcuni davvero impegnativi, al limite, almeno per il mio livello di quel momento».

Scalammo per 33 ore senza interruzione
La sua vita è caratterizzata da numerose imprese alpinistiche con vie nuove aperte in solitaria sul Gruppo delle Marmarole, sull’Antelao, sul Gruppo Bel Prà e in particolare sulla Torre dei Sabbioni e sul Corno del Doge, sulla Tofana di Rozes, sugli Spalti di Toro, sui Cadini di Misurina e sulla Croda del Passaporto. Svaluto Moreolo può vantare, inoltre, una serie invidiabile di spedizioni extraeuropee: in Nepal, in India, in Perù, in Patagonia, in Groenlandia.
Tuttavia, ce ne sono due, in periodi ben distanti fra di loro, che ama ricordare e che lo hanno gratificato: «La prima è la salita di Cima Alpe Adria in Groenlandia, quando avevo solo 22 anni. Con Gianni Pais, che era anche capo spedizione, abbiamo scalato per trentatré ore senza interruzione, senza riposare e tanto meno dormire. Non è stato facile ma ero aiutato dalla spregiudicatezza giovanile. L’altra salita è la Solleder Lattenbauer, in inverno e in giornata alla nord ovest del Civetta, fatta con Alex Pivirotto, guida alpina del gruppo guide Tre Cime di Lavaredo, di cui anche io faccio parte, e che considero uno degli alpinisti più completi che conosca. Questa era una salita che rincorrevo da 35 anni e che per vari motivi non ero mai riuscito a fare. Arrivare in vetta col buio, stanchi, ma arricchiti enormemente dentro, è una delle mie pagine di alpinismo più belle».

Il legno ha un’anima, è difficile andargli contro
L’abilità nell’usare le mani per arrampicarsi, Ferruccio l’ha trasmessa anche alla scultura e alla letteratura. La sua passione per la scultura del legno, mi fa capire, è relativamente recente, circa una ventina d’anni fa. «In famiglia, c’era il nonno che faceva il falegname e il babbo che amava il bricolage e forse… ho preso da loro. Ho sentito la voglia di creare più o meno nello stesso periodo in cui ho cominciato ad avere dei problemi di salute».
Ecco che si illumina nel raccontarmi quello che prova quando si appresta a creare dal legno: «L’emozione è grande sia prima di cominciare a scolpire, dove ti immagini cosa vorresti far uscire da quel materiale plasmabile e apparentemente senza vita, sia nelle fasi successive. Il rapporto con il legno è strano, sembra che abbia un’anima. Su richiesta della mia compagna ho cominciato ad intagliare su un pezzo di cirmolo un Cristo ed è successa una cosa imprevedibile. Il legno esteriormente sembrava un bel pezzo ma poi finita la sgrossatura sono cominciati i problemi: non riuscivo a scolpire le braccia che continuavano a rompersi. Non parliamo poi delle dita delle mani. Sta di fatto che ne ho creati di Cristi ma questo è uno di quelli peggio riusciti, al limite dell’abbandono. Sembrava che questo Gesù, non volesse saperne di uscire da quel tronco, quasi si sentisse impotente davanti ad una situazione così disastrosa. Quindi ho pensato faccio una Madonna, questa volta proviamo con il noce più duro e compatto. Anche se è la prima volta che faccio questo tipo di scultura… non ci dovrebbero essere problemi. Invece anche in questo caso non riuscivo ad andarne fuori, mentre intagliavo, una volta sembrava che i suoi occhi avessero lo sguardo satanico, una volta sembrava un uomo, alla fine qualcosa è uscito, non certo quello che volevo. Ecco, ho avuto la chiara sensazione che il legno ha un’anima ed è difficile andare contro il suo volere».

L’amore per la scrittura l’ho sempre avuto
La stessa passione che Ferruccio prova nel lavorare il legno la sente anche quando si appresta a scrivere una poesia o un libro. «L’amore verso la scrittura l’ho sempre avuto, ma in questi anni ho sentito il desiderio di condividere con tutti le mie fantasie, le mie emozioni e magari raccontare delle situazioni che si possono più facilmente dire scrivendo piuttosto che a tu per tu con le persone. Io penso che ogni poesia scritta, ogni racconto detto, sia un veicolo per conoscerci meglio. In questi casi, un qualcosa di noi scende dalla nostra mente lungo il nostro braccio e si perde su un foglio o su di una tastiera tradendo, o scoprendo, una piccola parte noi».

Penso che il suo ultimo libro, Il Tesoro della Grotta del Tempo, contenga una parte forse nemmeno piccola di Ferruccio. Il suo romanzo è un bel libro, scorrevole e poetico. Racconta la storia del montanaro Matteo, innamoratissimo della moglie Iole e felicissimo della nascita della figlia che chiamerà “Dea, la principessa del vento”. Una vita tranquilla per Matteo fino al casuale ritrovamento, nel bosco, di un ceppo di noce, custode di un’antica pergamena riportante le indicazioni per raggiungere una misteriosa grotta del tempo. La narrazione è ricca di spunti efficaci e di momenti genuini ed intensi che ricordano le passioni care al nostro autore. Nei “segreti del tempo” si nascondono sentimenti, esperienze di vita, amori, vendette, desideri e pentimenti. Tutto sembra fantasia ma talvolta anche la fantasia può essere realtà.
«Penso che tutti abbiamo dei segreti che custodiamo a volte gelosamente», mi conferma Svaluto Moreolo «e nel mio viaggio descrivo la vita di una persona semplice che si trova ad affrontare un viaggio fantastico, dove questa nuova esperienza di vita gli fa capire che non occorre andare chissà dove a cercare l’isola che non c’è, ma che i valori che contano sono da sempre, la famiglia e il volersi bene».

Una cosa è sicura, nel mondo reale o fantastico del nostro alpinista, la montagna ha un ruolo sempre principale. «La montagna per me è stata tutto: madre di vita, a volte donna irraggiungibile, dispensatrice d’amore e di sofferenza. Compagna nel lavoro e ora vissuta più serenamente di un tempo, ma sempre protagonista della mia esistenza».

Il Tesoro della Grotta del Tempo

Autore: Ferruccio Svaluto Moreolo
Editore: Susil Edizioni, 2020
Pagine: 88
Prezzo di copertina: € 13,00

www.susiledizioni.com

Giannandrea Mencini

Giannandrea Mencini

Mi chiamo Giannandrea Mencini (1968), laureato in Storia contemporanea, saggista e giornalista pubblicista, lavoro a Venezia. Mi occupo di storia dell’ambiente e del territorio e per i miei articoli e pubblicazioni sono stato nel 2013 premiato a Sorrento con una menzione speciale nell'ambito della terza edizione del Premio Nazionale di ecologia Verde Ambiente. Collaboro con diverse testate giornalistiche.


Link al blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Esplora altre storie

Numerosi treni ci mostrano numerosi paesaggi: la pianura Padana, il lago di Como e... Numerosi treni ci mostrano numerosi paesaggi: la pianura Padana, il lago di Como e il lago di Mezzola, da cui, nel luglio 2013, partiamo...

"Incominciò così l’ultima catastrofe, il cosmo profondo in un moto di pietà verso i... "Incominciò così l’ultima catastrofe, il cosmo profondo in un moto di pietà verso i suoi figli più scellerati pensò di regalare loro un ultimo...

Breve reportage fotografico di un viaggio in Islanda, prima che i mondiali di calcio... Breve reportage fotografico di un viaggio in Islanda, prima che i mondiali di calcio portassero l’isola alla ribalta internazionale. ...

Il rifugio si era svuotato da ore, come era normale che fosse. Dalla finestra... Il rifugio si era svuotato da ore, come era normale che fosse. Dalla finestra vedevo passare ancora qualche escursionista ritardatario, una coppia di alpinisti...

Non ricordo la prima volta che lo vidi, ma è uno dei miei primi... Non ricordo la prima volta che lo vidi, ma è uno dei miei primi ricordi. Eravamo nell’orto con mio fratello e nonno Rnéstu che...

Il vento di montagna strappa la vita di un escursionista, con il suo sibilo... Il vento di montagna strappa la vita di un escursionista, con il suo sibilo freddo, sferzante di odio verso la vita di colui che...

Consigli di buone letture per l'estate da mettere nello zaino. In questa prima puntata... Consigli di buone letture per l'estate da mettere nello zaino. In questa prima puntata quattro libri che stanno comodi nello zaino e a fine...

Non si può vivere al sicuro in montagna. Questo l’ho capito. Non valgono le stesse... Non si può vivere al sicuro in montagna. Questo l’ho capito. Non valgono le stesse regole della città, nemmeno quando sei in valle e le...

E’ proprio per questo che faccio questo viaggio, per aver cura di me. Non... E’ proprio per questo che faccio questo viaggio, per aver cura di me. Non dovessi rientrare là, nel cassetto del comodino, ho lasciato una...

Achab era il capitano, proprio lui. Il quartier mastro invece era un tale di... Achab era il capitano, proprio lui. Il quartier mastro invece era un tale di nome Ail. Entrambi odiavano le barche. ...