Orsi affamati in Appennino

Quando dico che l'Appennino Emiliano in veste invernale è imprevedibile, lunatico...

testo e foto di Andrea Pellegrini  / Carpi (MO)

I risalti tecnici della Cresta Nord del Prado
20/11/2017
7 min

Quando dico che l’Appennino Emiliano in veste invernale è imprevedibile, lunatico, e incerto, non sbaglio. Ma è anche seducente, affascinante, appagante: un terreno di avventura proprio per quelle condizioni che non sai mai bene come saranno, e che spesso cambiano in poche ore e pure in pochi metri.

Una giornata non come tante: un venerdì sera scarico, le piccozze che fremono, un meteo che invoglia, la luna piena, la fame di Alpinismo e di Avventura: di Appeninismo. Itinerari non ancora saliti, sempre e solo visti da lontano, che “chissà come sono” “chissà se ce la faccio” “chissà le condizioni”. A volte i “chissà” frenano, altre volte… stuzzicano. E allora: vai!

Un’ora di sonno a casa e una al parcheggio: alle 2 sono in cammino. Parte male: mi trovo nel posto giusto per attaccare il Fosso della Piella, ma dubbioso torno indietro: temo di aver già compromesso la giornata. Ma la Luna Piena è una sorella che consola, e con la sua illuminazione con un traverso verso l’ignoto e una discesa ripida riesco a rimettere piede nel canale. E uscirne: osservare la pianura, la civiltà, con tutte le sue lucine artificiali.

Proseguo nel mio “progetto” che non è un progetto: è solo la voglia di fare, faticare, sfamarsi… sbagliare? Progetto tutto mio e solitario, come ogni volta che mi vengono in mente queste “mattate”: oggi tutto sarà da tracciare e da valutare, e tutto in autonomia. Rischi maggiori e probabilità di successo minori, ma soddisfazioni maggiori.

La Luna che si corica all’orizzonte e si specchia sui pendii di neve ghiacciata assomiglia al Sole al tramonto sul mare. Mare di ghiaccio e mare di acqua: stessa sostanza, stato di fase diverso. La neve che ho intorno comincia a tingersi di diverse tonalità a seconda del suo orientamento. Magie.
Salgo la Cresta Nord del Cipolla con una luce blu ammaliante, per arrivare in cima sotto raggi di sole appena nati ma possenti. Avanti sulla sconosciuta Cresta Nord del Prado: voglio godermela tutta sul filo della cresta, senza “barare” sui lati.

Logo Blogger Contest2017_300x175
Ma se la vita non fosse un rischiare, un mettersi in gioco, un 'va beh dai, proviamo', che gusto ci sarebbe?
Bellina la goulottina, uscita variante del Canale Nord del Sassofratto.
Luna e Cusna dalla cima del Monte La Piella.
Bellina la goulottina, uscita variante del Canale Nord del Sassofratto. Luna e Cusna dalla cima del Monte La Piella.

Ancora di più verso l’ignoto, verso quella parete alla quale non sono nemmeno mai passato vicino: salgo il Canale NordEst del Sassofratto, ma prima di arrivare all’attacco sono già transitato sotto altre linee interessanti.. Il bello dell’Appennino e delle sue imprevedibili condizioni, è che qui l’Alpinismo è davvero fantasia: fantasia e libertà di andare dove si vuole. E ormai ci ho preso gusto, la sto masticando questa pelle dell’orso: torno giù e attacco il Canalone Nord, mischiandolo con la Partetina, uscendo per una goulottina ghiacciata. Inventandomela, godendomela. Scendo di nuovo, guardo di là..ma la tentazione è di qua: oso, rischio. Canale Centrale alla Parete Nordovest del Sassofratto: salirlo da soli non è proprio “da sani”, ma oggi… è una giornata diversa, e questa è una salita che seppur breve è Appeninismo da leccarsi i baffi.

Scendo di nuovo, il criceto con le picche… guardo alla mia sinistra: il Canale dell’Ottantadue al Prado è lì… andare!
Altra Appenninica al cardiopalma: in alto adrenalina e paura escono dai pori insieme al sudore, su questo misto terra neve erba ghiaccio. Che siano i peli della pelle dell’orso?
Scendo per un canalone, incontro un amico, passo sotto una nuova parete e… ma sai ho ancora fame? Canalone Ovest del Cipolla, con variante di uscita. Di nuovo al sole: pausa, e per oggi… basta, basta rischiare.

Ma se la vita non fosse un rischiare, un mettersi in gioco, un ‘va beh dai, proviamo’, che gusto ci sarebbe? Non siam fatti per esser piatti, ma piuttosto spigolosi, incassati, aerei come creste e canali. La stanchezza inizia a farmi delirare, o sarà l’indigestione di pelle di Orso?

Andrea Pellegrini

Andrea Pellegrini

Un ragazzo che vive in pianura ma che sogna di salire, camminando, arrampicando, scalando, laddove ci si sente piccoli e immersi nella natura, in balia della natura. Un appassionato di montagna, in tutte le sue forme, stagioni, attività (beh quasi). Un amore vero, e sincero.

Il mio blog | Obiettivo: tramandare la mia passione. Non sono certo un alpinista top di gamma, ma mi diverto, mi rende felice, e questo è la base di una passione: a qualcuno può far piacere leggere le mie avventure. Foto e racconti spero spingano le persone a preservare quell'inestimabile regalo che la natura ci fa.
Link al blog

Esplora altre storie

Il 14 gennaio Tania Noakes partirà dalla punta più a sud della Norvegia per... Il 14 gennaio Tania Noakes partirà dalla punta più a sud della Norvegia per raggiungere Nordkapp, nell'estremo nord. 2500 km con gli sci tra...

La prima volta su un quattromila è sempre un’esperienza particolare. Per me il primo... La prima volta su un quattromila è sempre un’esperienza particolare. Per me il primo quattromila è stato il Rosa, quando avevo 16 anni, insieme...

Lo svizzero Chrigel Maurer ha vinto la 1a edizione del Salewa IronFly, conducendo la... Lo svizzero Chrigel Maurer ha vinto la 1a edizione del Salewa IronFly, conducendo la gara dal primo all’ultimo giorno ...

C’è stato un periodo in cui ad un gruppo di amici accaddero degli eventi... C’è stato un periodo in cui ad un gruppo di amici accaddero degli eventi particolari, momenti che... ...

"Ecco, metta una firma qui". In quel momento la sensazione era la stessa di... "Ecco, metta una firma qui". In quel momento la sensazione era la stessa di quando... ...

Sabato 21 aprile alle ore 17.00 in piazza ad Arco (TN), sul palco di... Sabato 21 aprile alle ore 17.00 in piazza ad Arco (TN), sul palco di Adventure Awards Days, il festival internazionale dell’avventura e dell’esplorazione, si...

Paonazzo era paonazzo, e le vene del collo pulsavano forte. Gli occhi gli uscivano dalle... Paonazzo era paonazzo, e le vene del collo pulsavano forte. Gli occhi gli uscivano dalle orbite. Mi ha anche sputacchiato addosso, senza accorgersene. - Basta, basta, basta!...

La sosta era appesa nel posto peggiore di tutta la torre. Sotto il culo... La sosta era appesa nel posto peggiore di tutta la torre. Sotto il culo sprofondava quel vuoto nauseante e sopra di noi c’era appena...

Mi mordo il polpastrello dell'indice della mano sinistra, ma non sento niente. È così... Mi mordo il polpastrello dell'indice della mano sinistra, ma non sento niente. È così da un mese, ha preso troppo freddo. Volevo fare un ultimo...

Quattro intense giornate di scialpinismo, con compagni di avventura di sei nazioni, in una... Quattro intense giornate di scialpinismo, con compagni di avventura di sei nazioni, in una delle più belle valli del Tirolo austriaco. ...

Filtra le storie...

PERSONE
ESPLORAZIONI
BLOGGER CONTEST
+ AZIONI
Esplora!