Sulla cresta del Monte Faeit , sullo sfondo l'elevazione del Picjat

Sulla cresta del Monte Faeit , sullo sfondo l’elevazione del Picjat (1)

Quando ti chiedono qual’è la tua montagna preferita, la risposta ti porta sulle labbra risposte facili, evocative, mitiche.

Poi, nei pensieri più intimi, nei desideri più reconditi, ci sono montagne di cui appena si conosce il nome, ma che sono sempre presenti. Si affacciano alle nostre vite silenziose. Rapiscono sguardi distratti nei momenti più impensati, giusto il tempo di un pensiero fugace, mentre tornano nel loro oblio. Dimenticate.
Montagne nascoste, montagne invisibili, le cui vie d’accesso partono da paesi dimenticati, da valli nascoste e poco frequentate.

Il mattino è freddo e l’aria secca le narici mentre imbocchiamo la vecchia strada militare che si inerpica, con passo leggero, attraverso il bosco, verso la Forcja.
La neve è farinosa, secca, si apre davanti ai nostri passi, per richiudersi su se stessa subito dopo, senza quasi lasciar traccia. Passi invisibili verso l’alto.
Vicino alla cresta la neve si dirada, il bosco è spogliato dal suo candido manto verso la Forcja.
La cima appare sfuggente, sembra quasi ci volga le spalle, la cresta come una chioma al vento.
Sfuggente, sembra godere della fatica che abbiamo fatto per arrivare al suo cospetto.
Il respiro si perde nel vento, assieme alle parole dei compagni. Tanto vicini quanto soli nei propri pensieri.

La cima è lì, davanti agli occhi, ma lontana e fredda. Insensibile alla nostra presenza.
Iniziamo a seguire il filo sottile della cresta verso la cima, arrancando nella neve, eterea come la cima che sembra allontanarsi ad ogni passo che facciamo.
Il tempo scorre veloce e la cresta appare sempre più sfuggente, quasi desiderosa di non farsi prendere. E così sarà. Non questa volta.
La montagna si fa invisibile e ci lascia a contemplarne l’essenza misteriosa. Il pomeriggio avanza e decidiamo di ritornare sui nostri passi.
Non c’è delusione. C’è il piacere di avere ancora un mistero da scoprire, un orizzonte da svelare.
Lasciamo la dorsale del Faeit e scendiamo nel bosco seguendo quel che resta della traccia del mattino.
Il vento soffia leggero tra gli alberi e sembra portarci il suono di una gelida risata, il Picjat ci saluta così.

(1) Il Picjat (1615 m) è l’elevazione più alta della catena del Faeit, nelle Alpi Carniche, a sud di dell’abitato Verzegnis, ultima propaggine verso est della dorsale Piombada-Bottai-Faeit. E’ una montagna poco conosciuta e selvaggia.

Ti suggeriamo la lettura di questi post…

Luca Chiarcos autore del post

Luca Chiarcos | Nato a Udine nel 1975, vivo da sempre a Codroipo. Fin da bambino inseguivo il profilo delle montagne con lo sguardo, sognando di salirle, finché a 11 anni ho iniziato a frequentarle assiduamente e in tutte le stagioni. Socio da 28 anni della Sezione Cai di Codroipo, di cui sono vicepresidente e Istruttore di Alpinismo della Scuola Valmontanaia di Pordenone, divido la mia passione alpinistica con la mia compagna Nadia e nostro figlio Gabriele, oltre che con gli amici del gruppo rocciatori Orsi.

Il post non ha ancora nessun commento. Scrivi tu per primo.

Lascia un commento