AtA_Ivan Peri_05

Ivan non è un personaggio immaginario e nemmeno si è messo in cammino per una scommessa. Semplicemente vuole realizzare il suo sogno: Il giro delle Alpi in 80 giorni. 

Era il 1873 quando Jules Verne pubblicò uno dei suoi più famosi libri “Il giro del mondo in ottanta giorni”. Da allora le avventure del ricco londinese Phileas Fogg e del suo cameriere francese Passepartout, che tentarono per una scommessa di circumnavigare il mondo in 80 giorni, continuano ad ispirare autori, romanzieri e avventurieri in ogni angolo della Terra.
Attraversare le Alpi a piedi in 80 giorni è una di queste belle avventure che Ivan, giovane livignasco, sta realizzando proprio in questi giorni.
Ivan non è un personaggio immaginario e nemmeno si è messo in cammino per una scommessa. Semplicemente vuole realizzare il suo sogno. Lo abbiamo raggiunto a Unser Frau in Schnals (Madonna di Senales, 1500 m).
Appoggiato il pesante zaino per terra, gli lasciamo giusto il tempo per prendere fiato e bere un sorso d’acqua.

AtA_Ivan Peri_20Ciao Ivan, raccontaci chi sei e cosa fai qui?
Mi chiamo Ivan Peri, ho 37 anni e vivo a Livigno. D’inverno faccio il maestro di sci. Insegno a sciare ai turisti di tutte le nazionalità e d’estate, come Accompagnatore di Media Montagna, li accompagno alla scoperta dell’Alta Valtellina e della vicina Svizzera. Lo sport, la natura e la montagna sono la mia vita (Ivan è laureato in Scienze Motorie e diplomato ISEF, ndr). Durante il corso di Accompagnatore ho effettuato diverse ascensioni alpinistiche con Ismael Santos Rodriguez, un grande amico spagnolo e compagno di corso che in quel periodo stava compiendo le salite a tutti i 4000 delle Alpi. Sono qui per realizzare il mio sogno: “Across the Alps – Il giro delle Alpi in 80 giorni”. Un desiderio che avevo da anni e che è cresciuto ancor di più dopo aver trasformato una delle mie passioni, l’andare in montagna, in una professione.

Quando sei partito?
Sono partito il 12 giugno da Trieste e prevedo di arrivare a fine agosto a Montecarlo dopo 80 giorni, con almeno 2000 Km e un dislivello attorno ai 120.000 metri. Sto registrando il percorso con il GPS e alla fine vedremo…

Quale percorso stai seguendo e come sei organizzato?
La traccia di rotta prevedeva quasi subito di sconfinare in Slovenia e poi proseguire sul confine Italia-Austria, ed è quello che ho fatto. Da qui in avanti camminerò lungo il confine di Svizzera, Francia, Italia e Principato di Monaco. Cammino in gran parte in autonomia. Ho con me una tenda e un sacco a pelo e solo se necessario, anche per questioni economiche, dormo in rifugi, ostelli, agriturismi, ecc. Scelgo il percorso in modo da trovare sempre un posto dove “fare la spesa”. Raccolgo in ogni tappa informazioni e cartine specifiche per meglio muovermi e decidere il percorso, anche in relazione alle condizioni d’innevamento o altri imprevisti.

Toggle Content (click to open)

equipaggiamento ivan_03per dormire:
– Materassino ad aria Therm-a-rest
– Sacco piuma Ferrino
– Tenda MSR

per mangiare e bere:
– Fornellino Jetboil e bombola gas
– Piatto, posate e termos
– Scatola viveri
– Viveri e liquidi più o meno in abbondanza

equipaggiamento ivan_04per vestirsi:
– Cosa indosso: pantalone leggero e maglietta Mountain Hardwear
– Ricambio pesante: pantalone, 2 camice (manica corta e manica lunga), gillet, pile Mountain Hardwear, canottiera lana, 2 calze lana (pesante e leggera)
– Copri pantaloni per la pioggia Montura
– Piumino Patagonia
– Guscio Mountain Hardwear
– Berretto, fascia e cappellino
– Mantellina
– Ciabatte Crocs
– Scarponi AKU Superalp GTX

equipaggiamento ivan_05per lavarsi:
– Asciugamano piccolo e grande
– Borsetta igiene personale

extra:
– Zaino da 60 lt. Osprey
– Copri zaino
– Sacchetto con prese, cavi, carica batterie vari per fotocamera, telefono e gps
– Fotocamera Canon
– GPS Garmin 64s
– Pannellino solare Goalzero
– Coltellino multiuso Victorix
– Lampada frontale Petzl
– Occhiali da sole Oklay
– Borsa documenti: denaro, cartine, diario di viaggio e penna

A parte il tuo sogno, c’è qualcosa altro che ti ha spinto a partire?
Per una sfida personale… e poi mi sono detto: “Ivan vai. Ora o mai più!”. Infatti quando torno voglio mettermi a costruirmi la casa e non avrò più tutto questo tempo. Ho scelto di attraversare le Alpi perché credo sia uno dei luoghi più belli della Terra, con una varietà di ambienti, popoli, fauna e flora veramente notevole. Camminare a piedi è il modo migliore per vedere tutta questa bellezza e poterla apprezzare appieno.

Come sta andando il viaggio fino a questo punto?
Per ora molto bene. Sono ad un terzo del viaggio e non mi sembra vero. È stata molto dura nei primi giorni. Mi mancava l”abitudine al carico giornaliero, senza mai riposare, con 22 kg di zaino da portare per strade e stradine, per tratti asfaltati o sterrati molto duri. E poi lungo i sentieri, dov’è più faticoso ma fisicamente assorbo meglio la fatica. Anche sotto l’aspetto mentale va bene. Sono concentrato sulla meta e ho molto entusiasmo, stupore e appagamento per tutto quello che vedo. Solo un paio di giorni, causa le condizioni meteo difficili, mi è venuto qualche pensiero negativo. Mi chiedevo: “Quanto saranno lunghi questi 80 giorni?”. Ma il pensiero ricorrente è sempre rivolto ad immaginare la felicità che proverò alla fine del viaggio, quando potrò dire: “Ho realizzato un sogno!”. Questa è la cosa che mi dà forza e consapevolezza che ce la posso fare.

AtA_Ivan Peri_03Raccontaci di qualche incontro
Gli incontri sono tantissimi e ogni volta che c”è il tempo per spiegare cosa sto facendo, sono tutti incuriositi, disponibili e premurosi, ognuno a modo suo. Il fatto di viaggiare da solo, per così tanto tempo e con uno zaino così carico, lascia tutti affascinati e con una punta d’invidia, o il desiderio di provare anche loro. Un incontro particolare è stato con l”avanguardia dei pellegrini di Forni Avoltri diretti al Santuario della Madonna di Luggau. Abbiamo mangiato, bevuto liquori e chiacchierato online casino a lungo. Un altro incontro è stato quello con un vecchietto in un alpe dell’Austria. Quando mi ha visto è entrato in casa ed è uscito con delle ciliegie per me.

Cosa ti saresti aspettato di trovare e invece non hai trovato?
Sinceramente un po” più di bel tempo. Quello che invece non mi sarei aspettato di trovare sono gli enormi danni causati dalla neve di questo inverno. Specialmente in Slovenia e in Carnia. Boschi devastati, sentieri distrutti, tanta neve e detriti ancora nei canaloni da valanga e tanti, tanti danni. Rispetto al modo con cui abitualmente cammino in montagna – si sale una vetta e poi si scende spesso per il medesimo percorso – ho provato un piacere e una soddisfazione nuova. E’ la bellezza, la curiosità e il piacere di andare a scoprire cosa c”è al di là di un passo, di una valle, di un colle. E’ un modo di andare verso una direzione, con una forma mentale completamente diversa che dà continuità e comunicazione.

Il punto giallo indica Unser Frau in Schnals, il luogo dove abbiamo incontrato Ivan Perri

Il punto giallo indica Unser Frau in Schnals, il luogo dove abbiamo incontrato Ivan Perri

Con quali pensieri ti addormenti alla sera sotto la tenda?
In genere i pensieri sono rivolti alla giornata appena trascorsa che ricordo annotandoli sul mio diario di viaggio. Nei pochi giorni dove ho incontrato delle difficoltà, con giornate davvero pesanti, i miei pensieri erano invece rivolti ad immaginare quali ostacoli avrei potuto trovare l’indomani. Poi tutto passa e anche oggi è stata una gran bella avventura e sono felice.

Fino ad ora, quali diversità hai notato nei gruppi montuosi attraversati?
Dal punto di vista morfologico mi ha impressionato il Carso con le famose doline e la mancanza d”acqua, di cui ero a conoscenza. Però non immaginavo lo stupore che avrei provato quando, dopo 10 giorni, ho udito il rumore dell”acqua nei ruscelli. Sulle mie montagne l’acqua è sempre una compagna di viaggio. Sempre nel Carso e nella zona del Triglav mi hanno affascinato le rocce fessurate, gli imbuti e le crepe che associavo ai crepacci dei ghiacciai, chiaramente a scala ridotta. Culturalmente invece è stato molto istruttivo passare da un “paese verde” come la Slovenia, splendido per le immense foreste dove l”uomo sembra sia ancora un ospite nella natura, alle zone dell”Alto Adige dove l”uomo ha messo la natura al suo servizio e ne gode i benefici dello sfruttamento agricolo e turistico.

L’intervista, per ora, termina qui. Anche noi ci accomiatiamo da Ivan con un po’ d’invidia. Le descrizioni del viaggio e il suo entusiasmo ci hanno contagiato, il desiderio di mollare tutto e partire è forte. Lasciamo Ivan alle sue incombenze serali, con la promessa è di ritrovarci per un’altra chiacchierata, prima che finisca il suo sogno.
Intanto chiunque può seguire Ivan, giorno per giorno, comunicando con lui attraverso la sua pagina facebook Across the Alps.

Teddy Soppelsa autore del post

Teddy Soppelsa | Autore di pubblicazioni su montagna, alpinismo e ambiente, componente cdr de Le Dolomiti Bellunesi, socio GISM, fondatore del blog-magazine altitudini.it.

5 commento/i dai lettori

Partecipa alla discussione
  1. Carlo Occhiena il13 ottobre 2014

    grandissimo! mi ricorda la traversata (in senso inverso) che fece negli anni 80 il grande Franco Michieli

  2. Pingback: Across the Alps by Ivan Peri, gli ultimi giorni | I Love Livigno 27 Ago, 2014

    […] Vi rimandiamo alla pagina facebook ( che ha raggiunto 700 mi piace) per vedere tutte le foto di Across the Alps, clicca qui. Sotto raccogliamo 2 interessanti articoli che raccontano l’avventura di Ivan: Articolo su PlanetMountain.com: http://www.planetmountain.com/News/shownews1.lasso?l=1&keyid=41980 Articolo su Altitudini.it: http://altitudini.it/across-the-alps-il-mio-sogno-in-80-giorni/ […]

  3. maurilio il22 luglio 2014

    Ciao Ivan! Io riesco ad immaginare la tua scelta! Quando avevo 27 anni io ho lasciato la banca per girare il mondo! Hai tutta la mia stima e comprensione. Io sono con te! Maurilio

  4. Giovanni Certo il21 luglio 2014

    VVVVVVVVV ACROSS THE UNIVERSE VVVVVVVVV GO IVAN!

  5. marcello il17 luglio 2014

    Bello .Certo bisogna avere coraggio e molta ,molta volontà .

Lascia un commento